Marzo 2017

100 gradini

A volte l’incertezza e la pigrizia possono rallentare il cambiamento e tenerci fermi troppo a lungo in un punto che non è quello in cui vorremmo trovarci veramente. Quando però poi si riesce a superare il freno della fatica si raggiungono luoghi (fisici e mentali!) incredibili, che ci fanno pensare che alla fine ne sia valsa la pena!

Ci sono 100 gradini da fare su una mulattiera per arrivare alla casa dove ci stiamo per trasferire sui colli di La Spezia. Ogni volta facciamo fatica a percorrerli, ma quando arriviamo in cima e ci guardiamo indietro pensiamo che in fondo non sia poi stato così terribile!

Nella casa nuova è tutto da rifare, stiamo diventando matti con la ristrutturazione, un po’ come a Riomaggiore! Però poi, quando ci guardiamo attorno e osserviamo ciò che siamo riusciti a mettere insieme, la ricompensa arriva, ed è impagabile! …Qual è? … E’ il respiro che si fa più profondo e lo sguardo che si fa più ampio …

Accade qualcosa di straordinario, cambia l’intera prospettiva: cambia il modo di percepire la realtà che ci circonda, cambia il modo di vivere le giornate, perfino il trascorrere del tempo viene percepito in maniera differente, scompare …

Quindi di che cosa dovremmo preoccuparci? Di 100 gradini forse? No di certo!!

Non vediamo l’ora di trasferirci qui, di raccogliere le verdure che abbiamo già iniziato a seminare nell’orto e di gustarle con lo sfondo mozzafiato del golfo di La Spezia…

Che dire? Vi va di venire a vedere di che cosa stiamo parlando?

Allora vi aspettiamo, così come vi abbiamo aspettato nella casa precedente, dove abbiamo trascorso delle bellissime serate a cena insieme! Certo qui sarà un po’ diverso… un po’ più suggestivo… se non vi farete spaventare dai 100 gradini!! 🙂

Speriamo davvero di poter condividere anche con voi questa nuova esperienza, in un posto dove anche il tempo sembra voler rallentare…

Alla prossima ragazzi!

Nicola&Greta (NiGù)

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *